Cosa succede se è accertato che guido sotto effetto di droghe? Ed in caso di incidente stradale?

L’Articolo 187 del Codice della Strada (Guida sotto gli effetti di sostanze stupefacenti) prevede le seguenti sanzioni:

  • Multa da 1.500 a 6.000 euro
  • Arresto da 6 mesi a 1 anno
  • Confisca del veicolo se non è intestato al conducente
  • Sospensione della patente da 1 anno a 2 anni (raddoppiata se il veicolo non è intestato al conducente)
  • Decurtazione di 10 punti dalla patente
  • Sanzioni pecuniarie aumentate da 1/3 alla metà se il reato è commesso dalle 22 alle 7

Le sanzioni sono aumentate da 1/3 alla metà per:

  • conducenti con meno di 21 anni;
  • neopatentati nei primi tre anni dal conseguimento della patente B;
  • conducenti professionali durante il servizio (conducenti di autobus, tassisti, conducenti di mezzi con massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t e conducenti mezzi da 10 o più posti).

E’ possibile commutare la pena detentiva e pecuniaria in lavori di utilità sociale.

In caso di rifiuto a sottoporsi agli accertamenti.Si applicano le stesse sanzioni previste per chi è risultato positivo agli accertamenti, con le seguenti differenze:

  1. sospensione della patente da 6 mesi a 2 anni (raddoppiata se il veicolo non è intestato al conducente);
  2. revoca della patente per chi è già stato condannato per questo reato nei due anni precedenti;
  3. ordinanza del Prefetto per la visita medica entro 60 giorni

In caso di incidente


Se si provoca un incidente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti le sanzioni sono aumentate da 1/3 alla metà e non è possibile usufruire dei lavori di pubblica utilità. Se si è superato il tasso di 1,5 g/l o se si incorre nei reati secondo l’articolo 187 del Codice della Strada e si provoca un incidente viene disposta la revoca della patente di guida.
Per conducenti di autobus, mezzi pesanti o complessi o per recidiva nell’arco del triennio vi è la revoca della patente che non può essere conseguita prima di tre anni, inoltre per questi lavoratori la revoca della patente è considerata giusta causa di licenziamento secondo il Codice Civile ed alcuni CCNL di categoria.
Attenzione! Il codice prevede sanzioni, anche penali, per i conducenti in stato di ebbrezza e/o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti alla guida di qualsiasi veicolo (quindi anche ciclomotori e/o biciclette).

Lavori di Pubblica Utilità (LPU)


Abbiamo indicato le sanzioni amministrative e penali vigenti per chi commette i reati di guida in stato di ebbrezza e di guida in stato si alterazione da stupefacenti.
Dal 2010 è stata introdotta nel nostro ordinamento la possibilità di sostituire la pena detentiva e pecuniaria con la sanzione sostitutiva dei lavori di pubblica utilità. Tali lavori possono essere svolti presso enti pubblici o associazioni e cooperative del privato-sociale che abbiano stipulato una convenzione con il Tribunale del distretto dove sono situate.

I lavori di pubblica utilità vanno svolti presso il luogo di residenza ma è possibile per ragioni di lavoro e/o studio chiedere di effettuarli in altri distretti, comprovando tali esigenze.
Un giorno di LPU sostituisce un giorno di arresto e/o 250 euro di pena pecuniaria e consta di due ore di lavoro. La persona interessata può chiedere di svolgere più di 6 ore alla settimana ed in ogni caso non è mai possibile svolgere più di 8 ore di LPU in una singola giornata.
Lo svolgimento positivo dei lavori di pubblica utilità comporta una serie di circostanze favorevoli per chi ne usufruisce:

  • dichiarazione di estinzione del reato;
  • dimezzamento della sospensione della patente;
  • Revoca della confisca laddove disposta.

Si può usufruire degli LPU per una sola volta nella propria vita.

0